Equilibri nello sviluppo manageriale in modalità Agile

Formazione, Sviluppo HR Capability, Sviluppo Team

Quando si parla di formazione eLearning, spesso la nostra immaginazione va ancora ad un ambiente in cui acquisire conoscenze, applicarle in contesti strutturati, per sviluppare competenze tecniche.
La domanda che rimane ancora aperta è: si può utilizzare la modalità eLearning per lo sviluppo manageriale? E soprattutto, si può stimolare quel coinvolgimento emotivo, quell’intimità e quella condivisione di esperienza che diventa essa stessa veicolo di apprendimento e sviluppo delle competenze relazionali?

 

La risposta è si, se si utilizzano i giusti ingredienti con il giusto mix.

Innanzitutto, un buon equilibrio tra ritmo e pazienza.
Ritmo ottenuto con attività brevi ed intense funzionali a mantenere la concentrazione; con l’alternarsi di modalità diverse per stimolare i punti di vista e la capacità critica.
Pazienza, dedicando del tempo alla riflessione, all’espressione individuale, al confronto, al dubbio, accettando che l’apprendimento “profondo” richieda un suo tempo per maturare.
Una corretta alternanza tra momenti sincroni e momenti asincroni.
Il momento sincrono deve essere pensato, progettato e vissuto come il momento del confronto, dell’interazione, dello scambio e della crescita personale e del gruppo.
Tutto ciò che non prevede forte interazione e messa in gioco, deve passare attraverso modalità asincrone che diano alla persona una maggiore autonomia organizzativa e responsabilizzazione verso il proprio apprendimento.
La compresenza di momenti di gruppo e momenti individuali lungo il percorso.
Nel gruppo, infatti, si realizza il confronto e la possibilità di mettere a fattor comune best practice e casi critici o difficili, raccogliendo spunti e punti di vista differenti. Nel confronto individuale, con il trainer, è possibile in una logica di coaching, “mettere a terra” il proprio vissuto personale, le proprie esperienze.
L’uso del gaming come elemento per aumentare l’ingaggio e la partecipazione al percorso, nonché assicurare uno sviluppo graduale delle competenze manageriali e relazionali.

 

(Photo by Photo by Bianca Ackermann on Unsplash)

Formazione

Intelligenza Emotiva: moda o strumento utile?

C’è chi la considera solo un trend del momento e chi una scienza avanguardista che può offrire alle aziende un vero vantaggio competitivo. L’intelligenza emotiva è uno dei nuovi topic del mondo HR. Ne parliamo con Sergio Leonardi, associate partner Exeo certificato in...

Coaching

Che imprinting avrà il tuo nuovo team?

Nel 1935 l’etologo Konrad Lorenz spiegò al mondo il funzionamento dell’imprinting, ovvero quel singolare meccanismo in base al quale un essere vivente attiva delle forti dinamiche di apprendimento con la prima figura di riferimento che incontra dopo la sua nascita. Lo...

5 ragioni per fare coaching individuale

In un contesto di incertezza come quello che stiamo vivendo, tanti manager ci chiedono se non sia meglio aspettare “tempi migliori” e di maggiore calma per iniziare un percorso di coaching individuale.La verità è che proprio in un momento turbolento si ha la necessità...

E’ tempo di mettere l’agile a sistema

In una situazione di estrema incertezza come quella che stiamo vivendo, l’unica vera certezza è che la stragrande maggioranza delle aziende ha ormai intrapreso un percorso di agile transformation.L’alternanza ufficio e smart working è una realtà dalla quale non si...

Assessment