Ogni azienda è unica. Tutte, possono aver bisogno di un HR Temporary Manager.

HR, Prima fila, Sviluppo HR Capability

Nell’ultima intervista EXEO all’HR temporary manager Alessandro Ferioli abbiamo approfondito diversi insight di questa professione. Oggi vogliamo cambiare punto di vista, mettendo in luce i diversi motivi che possono spingere un’azienda a richiedere l’intervento di questa figura. Dalle multinazionali alle PMI, dalle piccole imprese familiari alle start up: per ogni realtà, il mandato dell’HR temporary manager può assumere forme molto diverse.

 

Aziende multinazionali

Nelle imprese più grandi e strutturate, l’esigenza di un HR temporary manager nasce tipicamente da una situazione di necessità che non è possibile (o non è opportuno) risolvere attraverso le risorse interne. Può trattarsi di un nuovo impegnativo progetto, oppure l’HR manager precedente ha lasciato la sua scrivania e serve una sostituzione rapidissima con un manager senior di grande esperienza in grado di prendere subito il controllo del reparto. A volte non esiste un progetto specifico da gestire ma la richiesta è quella di accompagnare l’ufficio HR fuori da una situazione di emergenza. In alcuni casi sarà poi lo stesso HR temporary manager ad avviare la selezione della figura che lo sostituirà al termine del suo mandato.

PMI

Nelle piccole e medie imprese (PMI), le occasioni di utilizzo di un HR temporary manager sono spesso legate ad attività di ampio respiro, come ad esempio una ristrutturazione organizzativa o ad eventi straordinari come il passaggio generazionale, l’affiancamento e la formazione di un membro della famiglia per un nuovo incarico in azienda, oppure l’integrazione di una nuova realtà all’interno dell’organizzazione, ad esempio a seguito di una fusione. Tutti progetti importanti, complessi e sfidanti, dove le competenze di un HR temporary manager possono davvero fare la differenza

Piccole imprese familiari

Nelle realtà di minori dimensioni, tipicamente a conduzione familiare, è più rara la richiesta di un HR temporary manager. Il motivo risiede soprattutto nel timore che il costo di questa figura possa risultare troppo elevato per i budget di una piccola impresa. Ultimamente si sono però individuate soluzioni interessanti, come l’incarico part time o formule miste tra smartworking e presenza fisica in azienda, in grado di ridurne l’impatto economico. Il progetto ruota solitamente attorno alle esigenze del titolare dell’azienda che spesso richiede la figura HR temporary manager per riorganizzare la propria struttura in maniera più efficace.

Start up

Le start up sono di norma realtà molto dinamiche, giovani, flessibili, dove l’entusiasmo, innovazione e la specializzazione tecnica è alta ma l’esperienza nella gestione delle risorse è piuttosto bassa. In questa tipologia di aziende la figura dell’HR temporary manager può essere fondamentale per introdurre sistemi di gestione, mettere ordine alla parte amministrativa HR, e in generale anticipare i problemi che inevitabilmente sorgeranno quando agli startupper si affiancheranno dei dipendenti. L’organizzazione deve evolvere e strutturarsi e un HR temporary manager di alto livello può da subito intuire criticità e opportunità del futuro sviluppo. 

 

Formazione

Dal Devo al Voglio

Quando le giornate lavorative diventano solo un lungo elenco di obblighi e scadenze, è tempo di fermarsi e ragionare su se stessi, su dove siamo e chi vogliamo essere, come manager e come persone. Significa che è arrivato il momento di sperimentare un percorso di...

Equilibri nello sviluppo manageriale in modalità Agile

Quando si parla di formazione eLearning, spesso la nostra immaginazione va ancora ad un ambiente in cui acquisire conoscenze, applicarle in contesti strutturati, per sviluppare competenze tecniche.La domanda che rimane ancora aperta è: si può utilizzare la modalità...

Intelligenza Emotiva: moda o strumento utile?

C’è chi la considera solo un trend del momento e chi una scienza avanguardista che può offrire alle aziende un vero vantaggio competitivo. L’intelligenza emotiva è uno dei nuovi topic del mondo HR. Ne parliamo con Sergio Leonardi, associate partner Exeo certificato in...

Coaching

Che imprinting avrà il tuo nuovo team?

Nel 1935 l’etologo Konrad Lorenz spiegò al mondo il funzionamento dell’imprinting, ovvero quel singolare meccanismo in base al quale un essere vivente attiva delle forti dinamiche di apprendimento con la prima figura di riferimento che incontra dopo la sua nascita. Lo...

5 ragioni per fare coaching individuale

In un contesto di incertezza come quello che stiamo vivendo, tanti manager ci chiedono se non sia meglio aspettare “tempi migliori” e di maggiore calma per iniziare un percorso di coaching individuale.La verità è che proprio in un momento turbolento si ha la necessità...

E’ tempo di mettere l’agile a sistema

In una situazione di estrema incertezza come quella che stiamo vivendo, l’unica vera certezza è che la stragrande maggioranza delle aziende ha ormai intrapreso un percorso di agile transformation.L’alternanza ufficio e smart working è una realtà dalla quale non si...

Assessment

L’assessment come porta di ingresso al mondo del lavoro.

Meno peso ai titoli, più valore ai driver motivazionali e alle soft skill. Nei percorsi di assunzione dei giovani, sia nel pubblico che nel privato, si stanno facendo strada diverse metodologie che affiancano alla valutazione del curriculum, la misurazione del...